Ombre, slogan e minacce fanno saltare il banco

di Andrea Sarubbi