Messico e nuvole tedesche. Stesi i campioni del mondo