Spacciatori già liberi, la rabbia di Cavezzo

di Valentina Corsini

I bar come ufficio per aspettare le chiamate dei clienti, giornate intere a giocare alle slot, nessun lavoro. I fratelli noti da tempo in paese